Under 18 Elite …… Pivot alla riscossa

R.V. Roncaglia :

Tombolato 4 – Tognon 13 – Brugnolo 13 – Bettin 20 – Sciabica 4 – Paoli 17 – Sabbion 4 – Mogno, – KIngway ,- Andolfo 3 – Massaro 3
Coach : Penso A. – Vice : Lazzarin S. –
Salzano 03 :
Sanasi 24 – Barioli 17 – Covino , – Barbiero 2 – Bertato 6 – Armellin 13 – Gattolin ,- Greco 13 – Sartoretto 15
Coach : Gobbo M. –
Arbitri Rossi e Bressan di Padova.

La voce di Salzano

Habemus Pivot !

Affrontiamo per la terza volta i padovani del Roncaglia, andando a fargli visita.                                                                                                              Nelle prime due disfide, ci siamo fatti entrambi la…cortesia di perdere la gara in casa. Anche in questa occasione, il non c’è due senza tre, è stato rispettato. Quaranta minuti davvero pirotecnici, ( 171 punti totali sono veramente tanti, per il nostro livello ), con i reciproci attacchi, davvero in gran spolvero. Partita molto corretta ed intensa, con entrambe le squadre votate alla costante ricerca del contropiede e con molte mani calde da oltre l’arco. Non fosse stato per la complessiva, deficitaria media ai liberi, si sarebbe arrivati a punteggi ancora più consistenti. RV ben disposto in campo dal loro coach ed arricchiti dal recente innesto di Kingway, congolese di 205 cm.. Ma come riporta l’incipit, non c’è stato nulla da fare, neanche per lui. Stasera i nostri tre pivot hanno sfoderato una prestazione di notevole spessore, sotto entrambi i tabelloni. Così si spiegano i 90 punti, realmente inusuali per noi. Ben supportati dai lunghi, nelle aree piccole, i nostri esterni hanno potuto giostrare più liberi, risultando mortiferi. Ora, dopo la sosta pasquale, ci attende un sentito derby casalingo contro lo Spinea. Unico rammarico di questa intera stagione : come anche a Roncaglia, pure  in questa prossima occasione, ci presenteremo a ranghi ridotti

La voce di Roncaglia
Ai ragazzi di Salzano riesce nuovamente l’impresa di espugnare il PalaPonte, come già era successo due mesi fa nella prima partita della seconda fase. Anche ieri sera i rossi veneziani hanno potuto correre liberi e pressoché indisturbati nelle sconfinate verdi praterie lasciate incustodite dalla nostra difesa. Finiti i riferimenti all’isola di smeraldo, a dire il vero sono apparse rivedibili entrambe le difese (lo testimonia l’alto punteggio raggiunto, piuttosto insolito per la categoria); la differenza l’ha fatta l’atteggiamento in campo, troppo morbido e rilassato da parte dei padroni di casa, che hanno potuto godere di una serata favorevole in attacco con buone percentuali al tiro (piazzate addirittura nove triple), ma ottenendo ben poco dalle azioni nel pitturato e sbagliando ancora tanto (troppo) da sotto; mentre sono stati concessi rimbalzi offensivi in quantità industriale, che hanno dato agli ospiti seconde o terze opportunità dopo i primi errori al tiro. E sul conto, ogni palla vagante o contesa è regolarmente finita nelle mani salzanesi, a dimostrare la poca fame dei nostri, che forse erano convinti di poter battere gli avversari tirando come in NBA. Nella realtà dei fatti, nei quaranta minuti non abbiamo mai trovato rimedio al gioco avversario (e forse non l’abbiamo nemmeno cercato), gioco spesso di facile lettura e semplice quanto il nostro, ma molto più efficace per i motivi sopra descritti. Che poi i ragazzi di Salzano avessero le mani buone (uno tra tutti, il terribile Sanasi) lo sapevamo tutti, dunque colpa grave aver lasciato troppi tiri tranquilli agli esterni ospiti. Insomma, ci hanno fatto del gran male dentro l’area e anche fuori (5 le loro triple), con soli nove atleti a referto ben alternati da coach Gobbo. Da parte nostra, qualche iniezione di umiltà non farebbe male, ma soprattutto occorre ritrovare la coralità del gioco di squadra che ieri non si è percepita, e la voglia di spendersi prima di tutto in difesa (la bella vittoria ottenuta nella gara di ritorno al PalaPM avrebbe dovuto insegnarci qualcosa). Buon lavoro allora a coach Andrea e a Simone, gli impegni che ci attendono non saranno facili. Prossimo appuntamento per sabato 2 aprile, ancora in casa e ancora con ospiti veneziani: tocca ai ragazzi dei Carmini. Forza RV!

Lascia un commento